Editoriale

Editoriale

di Luca Gentile

‘’Eppure il vento soffia ancora, spruzza l’acqua alle navi sulla prora…’’: così cantava l’indimenticabile Pierangelo Bertoli nel lontano 1977. Il vento soffia su un’isola come la Sardegna, dove la natura regala scenari unici per il lavoro intenso di acqua e vento. Rocce, alberi piegati dal maestrale, campi di grano accarezzati dal vento primaverile. Ma nulla si spezza, si piega ma non si spezza. Con questa figura immagino la tormenta che ha colpito il Mondo. Un virus che ha condizionato le nostre vite, le economie, le scelte politiche e che ha influito sulla mente di molti: paura, terrore, angoscia ma anche speranza. Già, quanto è importante sperare di poter uscire presto dalla pandemia? Quanto è importante riprenderci in mano le nostre abitudini e la normalità della quotidianità? Quanto è importante vivere ogni giorno con un pensiero positivo? Poche domande alle quali cercheremo, con Sardegna Today, di dare semplici risposte. La fantasia, la creatività e la voglia di raccontare ci hanno portato a creare questo spazio di informazione al di là del grigio conformismo informativo che ultimamente è caratterizzato da numeri, dati, tabelle e termini clinici. La storia del Mondo non si ferma davanti al Covid19. La storia di ognuno di noi va avanti e noi abbiamo la voglia di proseguire il cammino raccontando ciò che accade, analizzarlo, svuotarlo di banalità. Il Mondo che conosciamo oggi è anche il frutto dell’eredità del passato. Ricerca, innovazione, scommesse tecnologiche. Dal primo uomo sulla Luna all’atterraggio del Rover Perseverance su Marte di strada ne è stata percorsa molta. Dal primo trapianto di cuore di Barnard alle nuove tecniche mininvasive della moderna cardiochirurgia la scienza medica ha dovuto confrontarsi con l’informatica e le biotecnologie. Ora siamo già all’intelligenza artificiale. Ecco, proprio con questo spirito di ottimismo, noi vorremmo creare uno spazio, questo spazio, dando speranza, raccontando belle notizie ma anche andando alla ricerca della verità o scuotendo la sabbia su casi rimasti senza risposte. Insomma, vorremmo farci accarezzare dal vento dell’ottimismo e, per dirlo con San Giovanni Paolo II, ‘’non abbiate paura’’. Noi, con voi, abbiamo il dovere di continuare a camminare sulle strade del presente con lo sguardo verso il futuro: speranza, volontà, spirito propositivo e positivo non ci mancheranno.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.